Razor Cuts
Benvenuti in Polaris
Lunedì 19 Aprile 2010 15:27


POLARIS è un’azienda di servizi alle imprese che ha elaborato un modello di assistenza professionale basato su un network di professionisti nelle diverse aree specialistiche della consulenza aziendale che grazie alle diverse professionalità integrate è in grado di assistere l’impresa nella sua evoluzione globale.

La creazione di partnership tra loro collegate in una rete ci consente di acquisire quelle conoscenze indispensabili per competere in un ambiente in rapida trasformazione e per supportare il Cliente nelle sue iniziative imprenditoriali offrendo servizi altamente specialistici.

Polaris supporta l’azienda dalla nascita e durante il suo sviluppo; ricerca, progetta, costruisce per creare valore, insieme alle aziende assistite con le quali intende sviluppare una partnership per migliorare la gestione aziendale.

Lo sviluppo dell’outsourcing si sta rivelando una scelta strategica vincente; da opportunità a necessità; le imprese esternalizzano determinate attività per destinare ogni energia allo sviluppo del business aziendale, in maniera efficiente per il raggiungimento di risultati con il minor impegno di risorse umane e finanziarie.

Polaris supporta le imprese in quelle attività non strategiche ma essenziali allo sviluppo aziendale ottimizzando i costi e rendendo più efficiente la gestione.




Presentazione del Centro Commerciale Naturale di Benevento a cura di Paolo Palummo,
18 Marzo 2013.



I servizi Polaris :












Per le consulenze professionali POLARIS si avvale della collaborazione dello Studio PALUMMO




ULTIME NEWS:

 
Voucher Lavoro, pro e contro
Venerdì 19 Febbraio 2016 09:34

(PMI.it)

voucher lavoroPossibili elusioni e problemi con la trasmissione telematica: i Consulenti del Lavoro evidenziano luci ed ombre delle modifiche ai voucher lavoro introdotte con il Jobs Act.

Lo Jobs Act del governo Renzi ha portato novità anche per quanto riguarda il sistema dei voucher lavoro INPS introducendo modifiche estensive in termini di tetti e modalità di utilizzo e gestione dei buoni lavoro più semplici, dalla comunicazione telematica preventiva all’utilizzo dei buoni lavoro alle operazioni di acquisto e incasso al monitoraggio complessivo delle procedure.

Contro

Eppure tali norme non sono esenti da problematiche, ad analizzare le ombre dei voucher lavoro è la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, il cui presidente Rosario De Luca afferma: «Fermo restando gli aspetti positivi di questa riforma esiste però un concreto rischio di elusione nel momento in cui la procedura non richiede la puntuale indicazione del giorno e dell’orario della effettiva prestazione (richiede un arco temporale all’interno del quale verrà utilizzato il voucher per il lavoratore interessato)».

Leggi tutto...
 
Canone RAI 2016: occhio alle truffe
Lunedì 08 Febbraio 2016 15:11

(PMI.it)

falsi funzionari enelAttenzione ai falsi funzionari Enel che chiedono il pagamento in contanti del Canone RAI: l'allarme lanciato da numerosi contribuenti e tutte le informazioni per non cadere nella truffa.

Ogni novità, soprattutto in ambito fiscale, porta con sé incertezze e dubbi e questi lasciano la porta aperta a possibili azioni da parte dei malintenzionati. Non sorprende dunque che questi ultimi siano già all’opera per sfruttare una delle principali novità fiscali del 2016: la riforma del Canone RAI.

Falsi addetti Enel

Da quest’anno il Canone RAI si paga in bolletta elettrica, quindi se qualcuno bussa alla porta spacciandosi per un impiegato Enel e chiede il versamento dell’imposta in contanti questa è sicuramente una truffa.

Non si tratta di una pura ipotesi, ma di casi concreti accaduti a molti contribuenti che prontamente hanno denunciato il fatto. I falsi addetti Enel erano provvisti di falsi moduli da firmare per la riscossione del Canone TV e chiedevano il pagamento in contanti dei primi 60 euro, informando i contribuenti che la restante quota di imposta sarebbe stata versata a partire dalla bolletta elettrica di luglio.

Leggi tutto...
 
Acconto 730/2015, come chiedere la riduzione
Lunedì 14 Settembre 2015 14:32

(PMI.it)

acconto 730 2015Lavoratori dipendenti e pensionati possono chiedere la riduzione dell'acconto 730/2015 con comunicazione scritta al sostituto d'imposta entro fine settembre.

I lavoratori dipendenti e i pensionati che vogliono chiedere la riduzione dell’acconto 730/2015, relativo a IRPEF e cedolare secca, che i sostituti d’imposta versano in novembre, devono presentare la domanda, in forma scritta, all’impresa o all’ente previdenziale entro la fine del mese di settembre. Il Fisco calcola gli acconti in base ai redditi relativi all’annalualità precedente (quindi, nel caso specifico, in base ai redditi 2014, dichiarati nel 730/2015). Se il contribuente ritiene però che nel 2015 guadagnerà meno, oppure avrà oneri deducibili o detraibili maggiori, può chiedere un versamento inferiore a titolo di acconto 2015, rivolgendosi direttamente al proprio sostituto d’imposta.

Leggi tutto...
 
Bonus assunzione, anche di pensionati
Martedì 09 Febbraio 2016 16:09

(PMI.it)

bonus assunzioniBonus assunzione alle aziende che impiegano disoccupati, anche se pensionati e collaboratori trasformati in lavoratori subordinati: i chiarimenti del Ministero del Lavoro.

Il Ministero del Lavoro chiarisce tutti i casi in cui spetta il bonus assunzione alle aziende, introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 e confermato con modifiche, dalla manovra finanziaria 2016. La ratio della legge è premiare le imprese che che offrono lavoro stabile, soprattutto se ai disoccupati a vario titolo: non è dunque corretto escludere dal bonus né le nuove assunzioni di pensionati né le trasformazioni di collaboratori in lavoratori subordinati. La platea dei beneficiari viene infatti ampliata sulla base della finalità della normativa: incentivare il ricorso alle assunzioni a tempo indeterminato. Per questo motivo il Ministero conferma l’interpretazione per la quale sono esclusi dal bonus assunzioni solo quei soggetti esplicitamente tagliati fuori dalla legge.

Leggi tutto...
 
Legge di Stabilità, come funziona il bonus assunzioni 2016
Venerdì 23 Ottobre 2015 07:44

(PMI.it)

Bonus assunzioni 2016 in Legge Stabilità con sgravio del 40% sui contributi INPS per i nuovi contratti a tempo indeterminato: tetto massimo, norme ad hoc per il settore agricolo, lavoratori esclusi.

Lo sconto contributivo per le imprese che assumono a tempo indeterminato nel 2016 è pari al 40%, fino a massimo di esonero pari a 3.250 euro: sono i dettagli del bonus assunzioni in Legge Stabilità, che funziona con il medesimo meccanismo applicato nel 2015 dai datori di lavoro privati e che anche questa volta esclude contratti di apprendistato e lavoro domestico, prevedendo tetti e regole particolari per il settore agricolo.

Decontribuzione 2016

Lo sconto sul versamento dei contributi è riconosciuto sulle assunzioni effettuate dal primo gennaio al 31 dicembre 2016, per un periodo massimo di 24 mesi (2 anni). Sono esclusi contributi e premi INAIL. Per i contratti stipulati fino al 31 dicembre 2015 valgono le regole della manovra dell’anno scorso: esonero contributivo al 100% fino a un tetto di 8060 euro, per tre anni. E’ sempre l’INPS a erogare l’incentivo. L’istituto monitora costantemente l’andamento dell’agevolazione e comunica al ministero del Lavoro le minori entrate contributive.

Leggi tutto...
 
Buoni pasto elettronici cumulabili anche per la spesa
Martedì 25 Agosto 2015 09:39

(PMI.it)

buoni pasto elettroniciSì alla cumulabilità dei buoni pasto cartacei e al loro utilizzo per fare la spesa nei supermercati: i chiarimenti di Altroconsumo.

È entrata in vigore lo scorso 1° luglio 2015 la norma della Legge di Stabilità (commi 16 e 17, legge 190/2014) che ha innalzato a 7 euro la soglia di defiscalizzazione dei buoni pasto elettronici (lasciando inalterata a 5,29 euro la soglia di detassazione dei voucher cartacei) e che sembrava aveva eliminato la possibilità per i lavoratori di utilizzarli per fare la spesa al supermercato fuori dall’orario di lavoro invece che durante la pausa pranzo, così come avveniva precedentemente con i buoni pasto cartacei.

A smentire tale limite è stato in questi giorni Altroconsumo. L’Associazione dei consumatori sottolinea il fatto che la nuova normativa sui ticket elettronici non impedisce espressamente di pagare la spesa al supermercato o la cena in pizzeria: in realtà i buoni elettronici hanno gli stessi limiti di quelli cartacei. In questo senso la normativa non è cambiata.

Leggi tutto...
 
Copyright © 2010 - Polaris Impresa | auditing | consulting | accounting - All rights reserved.
C.F. e P.IVA: 01460480625 - Numero REA: BN - 122172 - Cap. soc. € 10.000,00 (int.ver.)

PENNAgrafica.it